Uscendo dall'A3 ci dirigiamo verso Settimo di Montalto. Da lì seguiamo i cartelli che ci indicano il percorso da seguire. Dopo circa 25 Km scorgiamo Acri, disposta su due promontori.

Giungiamo nel paese e subito ci inoltriamo in una ripida e breve salita, via San Domenico, che ci conduce davanti la Chiesa di San Domenico.

Dopo aver visitato la Chiesa di San Domenico, saliamo sulla Badia, promontorio lungo le pendici del quale si sviluppa tutto il centro storico di Acri. Percorrendo via Bernardino Telesio, posi via San Cataldo e giungiamo in Piazza Azzinnari.

Poco più avanti si erige la bellissima Chiesa S.Maria Maggiore, alla quale si accede mediante una lunga gradinata.

   

Usciti dalla Chiesa, percorriamo via Vincenzo Talarico fino a quando, sulla destra, scorgiamo una piccola balconata su un panorama mozzafiato

Proseguendo, poco distante, salendo per un sentiero irto e faticoso, giungiamo alla Torre Civica. Oggi allestita ad orologio a pendolo con vista al suo interno attraverso una porta a vetri.

Scendiamo dalla Badia e ci rechiamo nel centro di Acri. Sulla sinistra si apre la grande piazza della SS. Annunziata. Al centro la Chiesa SS.Annunziata. Ci soffermiamo ad osservarla dall'esterno, ci colpiscono i suoi capitelli.

 

   

Di fronte la Chiesa SS.Annunziata, si apre una grande strada, via Giovanni Amendola.

Inoltrandoci nel paesino troviamo campanili e bellissimi scorci di vicoletti

 

Camminando tra i vicoletti ci imbattiamo nella casa natia del Beato Angelo.
All'esterno la statua del Beato di Acri

Dopo tanto perenigrare eccoci davanti l'imponente Santuario Basilica del Beato Angelo di Acri.
La sua Cupola è servita da bussola durante il nostro girare tra i vicoli.

        

Sulla piazza antistante la Basilica troviamo la statua di P.Giacinto Osso, nato a Belmonte e morto ad Acri.
x Il Palazzo Falcone

 

Additional information